Donazioni

Molecole d’Acqua APS può ricevere erogazioni liberali, ossia donazioni, fiscalmente deducibili o detraibili, da privati e società.

Partecipa fattivamente alle attività di Molecole d’Acqua APS

Donazioni o Erogazioni liberali

L’erogazione liberale è una donazione in denaro o in beni senza alcuna prestazione in contraccambio, libera da qualsiasi obbligo da parte del beneficiario.
Il Codice del Terzo Settore (Decreto legislativo 3 luglio 2017 n.117 e s.m.i.) prevede deduzioni e detrazioni per le erogazioni liberali alle APS (Associazioni di Promozione Sociale) iscritte nel nuovo Registro Unico Nazionale del Terzo settore.

Vantaggi fiscali

La persona fisica che effettua una erogazione liberale potrà scegliere tra detrazione del 30% dell’importo della donazione fino ad un massimo di 30.000 euro di imposta oppure deduzione dell’importo fino al 10% del reddito complessivo, qualunque sia il suo importo.

Per le erogazioni effettuate da enti e società, per esse è prevista la possibilità di deduzione dal reddito imponibile del 10%, senza limite di importo.

Come si fa ?

Il donante effettua un versamento alla APS con mezzo tracciato: Molecole d’Acqua APS può ricevere pagamenti con bonifico bancario o postale o tramite Satispay.
Per effettuare una donazione a Molecole d’Acqua APS occorre riportare la seguente causale:

Erogazione liberale a Molecole d’Acqua APS – C.F. 97886450010

I mezzi di pagamento possono essere:

Bonifico bancario o postale su IBAN

IT18E0501801000000017252396

Banca Etica Torino

 

QrCode Satispay

Documentazione.

Molecole d’Acqua APS rilascerà una ricevuta con la causale “erogazione liberale”, le rispettive anagrafiche e codice fiscale del donante e del destinatario e il riferimento di legge.

La ricevuta e la contabile del pagamento dovranno essere portate al commercialista o al CAF, assieme alle altre spese deducibili, al momento della dichiarazione dei redditi.

 

N.B! Questa pagina è un riassunto molto sintetico della normativa, pertanto per avere tutti i dettagli è necessario quindi rivolgersi al proprio commercialista o a un CAF.