Un mare di parole

da | Mar 5, 2023 | Articoli

Invece di definirle migrazioni di massa si dovrebbe chiamarle “deportazioni indotte”. Sono queste le parole scelte da Don Luigi Ciotti in un articolo comparso su La Stampa di lunedì 27 febbraio, per definire la strage di Cutro.

 “L’unica cosa che va detta ed affermata è: i migranti non devono partire. La disperazione non può mai giustificare condizioni di viaggio che mettono in pericolo la vita dei propri figli”.

La scelta lessicale del nostro Ministro degli Interni, all’indomani della tragedia consumatasi al largo delle coste calabresi, ha invece il sapore dell’indifferenza e dell’ignoranza.

Nessuno lascia di sua spontanea volontà gli affetti, la casa, affrontando viaggi rischiosi in mano ad organizzazioni criminali e in balia degli eventi atmosferici.Lo fa solo perché è costretto da un sistema economico intrinsecamente violento, sistema che colonizza, sfrutta e impoverisce vaste regioni del mondo.

Un’indiretta replica che Don Ciotti rivolge a chi sembra voltare il capo dalla parte opposta, dimenticando quella “silenziosa carneficina che si sta consumando da almeno trent’anni sotto gli occhi di un ricco Occidente che finge di non vedere […], che si palleggia responsabilità, per poi tornare, passato il clamore, alla sola attività che sembra davvero interessarlo: il conflitto per la gestione del poterein nome dell’idolo profitto.

Solo chi non è in grado di manifestare interesse e un pizzico di empatia può tentare di attribuire colpe a cuor leggero alle stesse vittime di una strage. Solo chi ignora la storia del nostro popolo può dimenticare che, sfidando la sorte con viaggi in condizioni estreme, 30 milioni di italiani dal 1861 hanno cercato fortuna all’estero.

Come si può creare un sistema totalmente fondato sul debito, che veicola la ricchezza nelle mani di pochi, per poi stupirsi se si generano situazioni di povertà estreme? Votato al dio Denaro l’Occidente determina condizioni di morte prematura, sacrificando sulla croce i suoi figli, rei di esseri nati dalla parte sbagliata del mondo. Non pago, poi, li colpevolizza per il tentativo di affrancarsi dalla sofferenza e li trafigge definitivamente con la parola, negando i principi cardine enunciati nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea: “La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata” (art.1).

Il tempo porterà alla luce verità e responsabilità, ma non certo le vite di una settantina di persone le cui speranze si sono inabissate a poche miglia dalla terraferma. Riscattare queste vite e restituire dignità alle vittime innocenti lo si può però fare sin da subito, scegliendo con cura nel mare di parole che la lingua italiana ci mette a disposizione, quelle migliori con cui infarcire le dichiarazioni ufficiali.

Tutti noi essere umani dovremmo aiutarci sempre, dovremmo godere soltanto della felicità del prossimo”. Era il 1940 e Charlie Chaplin, ne Il dittatore, orgogliosamente affermava: “Non sono cittadino di nessun posto, sono un patriota dell’umanità nel suo complesso. Io sono un cittadino del mondo”.

Un mondo nuovo è forse ancora possibile?

SCOPRI DI PIU’

Articoli correlati

Le donne insonni non si rassegnano

Le donne insonni non si rassegnano

Le donne insonni non si rassegnano e chiedono alle donne delle istituzioni di svegliarsi e di agire. A seguire riportiamo il testo di una petizione - che è stata lanciata in questi giorni da un gruppo di donne, cui le attuali tragiche vicende hanno letteralmente tolto...

Cosa avremmo fatto, noi, al posto loro?

Cosa avremmo fatto, noi, al posto loro?

Basterebbe davvero poco per risolvere una miriade di problemi a tutti i livelli, dalla geopolitica alla quotidianità: mettersi nei panni degli altri e domandarsi “cosa avremmo fatto, noi, al posto loro?”. Prima di giudicare qualcuno, cammina per tre lune nei suoi...

Elogio della diversità e del coraggio

Elogio della diversità e del coraggio

A Torino cresce un albero che è l'elogio vivente della diversità e del coraggio. Lo si vede subito che non è un tipo qualunque e sicuramente non è un caso che abiti sul corso intitolato all'Optimus princeps, ovvero al più saggio...